Pubblicato da: Edelweiss CAI | 28/09/2012

Una settimana di avventure in bicicletta in Carinzia – 6

Dopo le puntate 1, 2, 3, 4 e 5, Monica continua il racconto della settimana in Carinzia in mountain bike organizzata da Edelweiss CAI.

17 agosto – il giorno più lungo

Il relax dell’ultimo giorno ci ha viziati ma occorre non abbassare la guardia: siamo a un ultimo giorno di pedalate in grande stile, nella calura che intanto sta aumentando vertiginosamente…

Carinzia

Come di consueto si lascia Bad scendendo verso Radenthein e poi, dopo una salita piuttosto lunga, scendiamo sino alla Drava e percorriamo un tratto della sua famosa ciclabile incrociando, diversamente dagli altri giorni, svariati ciclisti; ad un certo punto dobbiamo cambiare sponda e ci facciamo trasportare – in due tranche – su un simpatico barcone dal nome Maria (!) dove qualcuno di noi da il meglio di sé spaventando o divertendo – o entrambi – i bambini austriaci che attendono sulle rive con i genitori.

sul barcone

Lasciata la Drava affrontiamo la salita verso la valle di Kras. La calura taglia le gambe ad alcuni componenti del gruppo e si rendono necessarie più soste per cibo e fontane finche, finalmente, riprende una dolce e lunga discesa che ci porta al termine della valle, verde ed assolata. Dopo un tratto di trafficata statale siamo di nuovo nei pressi del ridente e ormai rovente Afritzsee. La sosta in un già noto baretto rivela che l’acqua minerale gassata a temperatura ambiente, un vezzo/vizio cui qualcuno non sa proprio rinunciare, costa una piccola fortuna (1 l ben 7 euro e 20)!

Ritorniamo verso Feld Am See e affrontiamo i fatidici tornanti in salita già sperimentati da alcuni componenti del gruppo (vedi 14 agosto) su asfalto con arrivo all’imbocco della sterrata “lingua fuori”. La fatica e la calura rendono gradito a tutti, ma proprio a tutti, il sopraggiungere dello sterrato tra i boschi che, con qualche dritta dei nostri istruttori su come affrontare il terreno, ci riporta simpaticamente in ordine sparso e in allegria a Bad. Morale: 70 km e 1200 m di dislivello!

Qualcuno corre al supermercato per acquistare tutto il necessario per un “ape” con i fiocchi in giardino. Poi la calura induce i più a schiaffarsi sulle sdraio in giardino per poi passare ai tuffi – già sperimentati da alcuni – nel laghetto/stagno (gelido) dell’albergo.

tuffi nel laghetto

Gran finale in allegria con “ape” a base di prosecco e patatine cui vengono invitati anche i nostri ospiti austriaci, con brindisi al gruppo e agli accompagnatori Edelweiss per il successo della vacanza. Nel dopocena seguiamo i più mondani del gruppo, che ci conducono nell’animata – si fa per dire, non c’è proprio un’anima – notte di Bad, da loro frequentata ogni sera.

Il racconto di Monica si conclude domani con una nuova puntata: 18 agosto – La partenza. Puntate precedenti:
11 e 12 agosto – inizia l’avventura
13 agosto – “la mazzata”
14 agosto – il giorno della scissione
15 agosto – Ferragosto
16 agosto – the day off

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie