Pubblicato da: Edelweiss CAI | 21/04/2010

Tenerife – In cima al Teide!

salita_Teide Ieri mattina c’era parecchia delusione tra il gruppo Edelweiss che questa settimana è a Tenerife: ci aspettava la prima tappa della salita al Teide, la vetta più alta delle Canarie e dell’intera Spagna, ma il cielo plumbeo, la pioggia continua e la notizia che sul Teide stava nevicando minacciavano di annullare l’escursione.

E invece ancora una volta siamo stati fortunati: all’ora di pranzo ha smesso di piovere e nel pomeriggio, durante il viaggio di avvicinamento, il tempo ha continuato a migliorare: giunti sopra ai 2000 m di altitudine del punto di partenza dell’escursione, il cielo era di nuovo azzurro, spazzato dal vento e solcato da nuvole di varie forme.

in avvicinamento al rifugio Altavista, guardando indietro verso nord est, las cañadas e il punto di partenza del sentiero 7 Dopo qualche ora sotto il sole, circondati da paesaggi vulcanici multicolori, abbiamo raggiunto il rifugio Altavista (3260 m) per la meritata cena: molto apprezzata la minestra di riso e spinaci preparata da Enea. Alle 22:30 tutti a dormire (chi ci è riuscito: l’altitudine non concilia il sonno!), per poi svegliarci alle 4:45, fare una veloce colazione e partire con la luce delle torce frontali per raggiungere la cima (3718 m) prima dell’alba.

il sole che finalmente buca il mare di nuvole Il cielo stellato era spettacolare: si distinguevano innumerevoli costellazioni, la Via Lattea era evidentissima e ogni tanto si poteva vedere anche qualche stella cadente.

Il vento forte e alquanto gelido ha forse rallentato un po’ la salita, ma l’emozione di arrivare in cima per vedere il sorgere del sole, emerso da un mare di nuvole, e per ammirare finalmente la vista dal pico, ci hanno ripagato di tutta la fatica.

E tutti siamo rimasti a bocca aperta a vedere un effetto davvero fantastico che non ci aspettavamo: l’ombra del Teide, proiettata dal sole radente sul mare e sull’isola La Gomera, proprio di fronte a Tenerife, formava una specie di piramide virtuale. Difficile descrivere la sensazione, forse la foto vale più di ogni spiegazione…

l'ombra del Teide ('la sombra del Teide' in spagnolo) che si proietta sul mare e la Gomera, vista all'alba dalla cima del Teide (pico del Teide) il 21 aprile 2010

È stata un’escursione davvero memorabile!

Vedi anche: Latitudine 28º: neve e spiaggia!

Annunci

Responses

  1. Complimenti a tutto il gruppo!
    ..non si può certo dire che la fortuna non sia dalla vostra….

    Un caro saluto a tutti


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie